Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

MARTEDÌ 22, MERCOLEDÌ 23 GENNAIO 2019 ORE 20.45

Riccardo3 - L'avversario

di Francesco Niccolini
molto liberamente ispirato al Riccardo III di William Shakespeare e ai crimini di Jean-Claude Romand
regia di Enzo Vetrano e Stefano Randisi
con Enzo Vetrano, Stefano Randisi, Giovanni Moschella
scene e costumi di Mela Dell'Erba
disegno luci di Max Mugnai
Arca Azzurra Produzioni
ERT Emilia Romagna Teatro Fondazione

in collaborazione con
Le Tre Corde – Compagnia Vetrano Randisi

foto

Una stanza bianca. Un letto. Un trono, forse a rotelle. Un costume elegantissimo, ricostruzione perfetta di un abito nobiliare inglese di fine quindicesimo secolo. Ma la stanza non è quella di un castello tardo medievale, e nemmeno il letto: sembrano piuttosto gli interni disadorni e freddi di una stanza d’ospedale. Psichiatrico, forse. Allora cosa ci fa, qui dentro, un costume da Riccardo III? Chi sono i tre uomini che si alternano in modo schizofrenico fra tutti i ruoli della storia? Enzo Vetrano e Stefano Randisi, insieme a Francesco Niccolini che firma la drammaturgia, sentono l’esigenza di sottrarre il capolavoro shakespeariano al medioevo inglese e di fargli abitare il presente. Riccardo3, quindi, non è l’ennesima variazione sul tema ma qualcosa di meno rassicurante. La ferocia smodata della sua capacità di incarnare il male, oggi, dove trova casa? Come riuscire a estirpare quel male? Davvero l’unica possibilità è opporre alla violenza assetata di sangue una violenza giusta? Queste le domande poste dallo spettacolo.
Come nell’originale, il male si ammanta del fascino più irresistibile e diventa quasi invisibile. Perché nell’epoca delle false identità e dei travestimenti (digitali, analogici, teatrali o domestici che siano) il crimine, anche il più efferato, non è facile da riconoscere né da confessare.

p1819 07b