Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

MARTEDÌ 9, MERCOLEDÌ 10 GENNAIO 2018 ORE 20.45

L'anatra all'arancia

dal testo The Secretary Bird di William Douglas Home
versione francese di Marc Gilbert Sauvajon
traduzione di Luca Barbareschi
regia di Luca Barbareschi
con Luca Barbareschi, Chiara Noschese
e con Gerardo Maffei, Margherita Laterza
e la partecipazione di Ernesto Mahieux
scene di Tommaso Ferraresi
costumi di Silvia Bisconti
luci di Iuraj Saleri
dramaturg Nicoletta Robello Bracciforti
Teatro Eliseo
Fondazione Teatro della Toscana

foto

Foto di Bepi Caroli

Gilberto e Lisa sono sposati da venticinque anni ma il loro ménage è messo in crisi, più che dal logorio della routine dalla personalità di lui, egocentrico e incline al tradimento.
A muovere il meccanismo di questa storia sono, quindi, l’incomprensione e l’egoismo, non la gelosia. Il tentativo di Gilberto di riconquistare Lisa origina una vicenda leggera e piacevole, che conquista lo spettatore con la simpatia dei personaggi, le soluzioni effervescenti, gli irresistibili dialoghi.
Commedia cult, scritta nei primi anni Settanta, L’anatra all’arancia appartiene a quella drammaturgia che suscita comicità con classe e attraverso un uso sapiente della macchina teatrale.
Storica l’edizione del 1973, con Alberto Lionello (che firmava anche la regia) e Valeria Valeri, e celebre la versione cinematografica diretta da Luciano Salce, che vedeva protagonisti Ugo Tognazzi e Monica Vitti.
A proporre la pièce sono ora Luca Barbareschi, che firma anche la regia, e Chiara Noschese; al loro fianco, ad animare l’ingranaggio della commedia, sostenendone il vorticoso ritmo con la precisione di una partitura musicale, Ernesto Mahieux, Gerardo Maffei e Margherita Laterza.

p1718 05b