Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

MERCOLEDÌ 8, GIOVEDÌ 9 MARZO 2017 ORE 20.45

Il secondo figlio di Dio
Vita, morte e miracoli
di David Lazzaretti

scritto da Manfredi Rutelli e Simone Cristicchi
regia di Antonio Calenda
con Simone Cristicchi
musiche originali di Simone Cristicchi e Valter Sivilotti
con le voci registrate del Coro Ensemble Magnificat di Caravaggio
preparato da Massimo Grechi
diretto da Valter Sivilotti
disegno luci di Cesare Agoni
scene e costumi di Domenico Franchi
CTB Centro Teatrale Bresciano / Promo Music
con la collaborazione di Mittelfest 2016 e Dueffel Music

foto

In cima a una montagna, davanti a una folla adorante di 4.000 persone, un uomo si proclama reincarnazione di Gesù Cristo. È il luglio del 1878: l’inizio di una rivoluzione possibile, che avrebbe potuto cambiare il corso della Storia.
Simone Cristicchi torna a stupire il pubblico con una storia poco frequentata ma di grande fascino. Il secondo figlio di Dio si ispira all’incredibile vicenda, realmente accaduta, di David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”, e racconta la grande avventura di un mistico, l’utopia di un visionario di fine Ottocento, capace di unire fede e comunità, religione e giustizia sociale.
Fra canzoni inedite e recitazione, Cristicchi ricostruisce la parabola di Lazzaretti, il suo sogno rivoluzionario, culminato nella realizzazione della “Società delle Famiglie Cristiane”: il sogno di una società più giusta, fondata sull’istruzione, la solidarietà e l’uguaglianza, in un proto-socialismo ispirato alle primitive comunità cristiane.
Attraverso la storia dell’”ultimo eretico” Lazzaretti, Cristicchi racconta quel piccolo lembo di Toscana, Arcidosso e il Monte Amiata, e ci pone una domanda più grande, universale: la “divinità” è un’umanità all’ennesima potenza?

p1617 12b