Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

MARTEDÌ 17, MERCOLEDÌ 18 GENNAIO 2017 ORE 20.45

Casa di bambola

di Henrik Ibsen
adattamento e regia di Roberto Valerio
con (in ordine di apparizione) Valentina Sperlì, Roberto Valerio, Carlotta Viscovo, Massimo Grigò, Michele Nani, Debora Pino
scena di Giorgio Gori
costumi di Lucia Mariani
luci di Emiliano Pona
Associazione Teatrale Pistoiese
Centro di Produzione Teatrale
con il sostegno di Regione Toscana, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

foto

foto di Marco Caselli Nirmal

 

Rappresentato per la prima volta nel 1879, Casa di bambola suscitò ovunque scandalo e polemica perché considerato un esempio di femminismo estremo. In Germania Ibsen fu addirittura costretto a trovargli un nuovo finale, perché la protagonista si rifiutava di interpretare una madre da lei ritenuta snaturata.
Nora è sposata con l’avvocato Torvald Helmer, che la considera alla stregua di un grazioso animale domestico. Nora vive in questa gabbia famigliare, intrappolata nel ruolo che le è stato assegnato, tormentata dal desiderio di ribellione, fino a intraprendere un cammino doloroso verso la maturità.
Il testo di Ibsen si rivela, ancora una volta, un’opera di grande modernità, complessa e seducente, abitata da personaggi capaci di parlare ai nostri contemporanei, animata da molteplici e potenti suggestioni. Partendo da un’attenta rilettura di questo grande classico e attraverso una rielaborazione scenica del testo, complici l’intensa regia di Roberto Valerio e l’interpretazione elegante e inquieta di Valentina Sperlì, si approda ad uno spettacolo il cui centro è “il dramma nudo”, spogliato di ogni ornamento ottocentesco e convenzione borghese.

casa di bambola