Stagione 2020-2021 Stagione 2020-2021

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Istituto di musica Antonio Vivaldi Biblioteca Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

VENERDÌ 9 APRILE 2021 ORE 20.45

GIULIA DELLA PERUTA
CASSANDER ENSEMBLE

Soprano

Milica Tomič flauto
Andrea Corazza clarinetto
Snežana Ačimovič violino e viola
Maria Dolores Zornoza Olaya violoncello
Sebastiano Gubian pianoforte
Biagio Micciulla direttore
Mattia Piani, Emiliano Gherlanz, Elia Zupin installazioni video
Davide Coppola regia, coordinamento, letture sceniche

Autoritratti, “Pierrot Lunaire” tra Schönberg e Kandinskij

Arnold Schönberg (1874 – 1951)
Pierrot Lunaire

foto

Quando Vasilij Kandinskij presentò al mondo il concetto di “astratto” (primo nella storia dell’arte visiva), la ricezione del pubblico non fu positiva. Fu principalmente l’incomprensione artistica che avvicinò il pittore russo al padre della musica moderna, Arnold Schönberg, che a causa del suo allontanamento dall’armonia tonale aveva sofferto le stesse difficoltà di accettazione.
Il celebre epistolario fra i due artisti non è soltanto una raccolta di riflessioni sulle reciproche produzioni: è un messaggio per tutti gli artisti che si vogliono rivolgere al proprio pubblico attraverso l’espressione contemporanea, di non immediata fruizione proprio perché, semplicemente, nuova.
Il progetto del Cassander Ensemble è affrontare la tematica dell’arte contemporanea conciliando l’esecuzione musicale con le forme moderne di arte visiva. Attraverso uno dei capisaldi della storia della musica moderna, il Pierrot Lunaire di Schönberg, il tradizionale concerto per voce ed ensemble si trasforma in una forma nuova, fra la performance audio-visiva e teatrale.
Il ciclo del Pierrot viene dunque spezzato per aprire delle finestre di riflessione, fra le parole tratte dall’epistolario Schönberg-Kandinskij e le rielaborazioni di opere del pittore attraverso videoinstallazioni e live electronics.

m2021 14b