Stagione 2020-2021 Stagione 2020-2021

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Istituto di musica Antonio Vivaldi Biblioteca Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

VENERDÌ 30 OTTOBRE 2020 ORE 20.45 | Tartini2020

ROBERTO CITRAN
L’ARTE DELL’ARCO

Voce narrante

Federico Guglielmo violino
Diego Cantalupi liuto
Francesco Galligioni violoncello
Roberto Loreggian clavicembalo

Tartini, la morte e il diavolo
Monologo per attore ed ensemble da camera di Sergio Durante


Giuseppe Tartini (1692 – 1770)
Sonata in do maggiore op. 1 n. 3
per violino e continuo

Concerto in la maggiore
per violoncello

Sonata in la maggiore
per violino e continuo

Concerto I in si bemolle maggiore
(trascrizione di L. Frischmuth)

Antonio Vandini (1690 – 1778)
Sonata in do maggiore
per violoncello e continuo

Giuseppe Tartini
L’Arte dell’Arco
Variazioni composte sopra alla più bella Gavotta del Corelli
opera per violino e continuo

Aria del Tasso
dalla XV Sonata in sol maggiore delle Piccole Sonate a violino solo

Il Trillo del Diavolo

Sonata in sol minore
per violino e continuo

foto

Foto di Marina Alessi

Tartini rivive grazie alla voce di Roberto Citran. Al momento di redigere il proprio testamento, il “primo violino d’Europa”, “maestro delle nazioni” e “maggior compositore del suo tempo” – così lo chiamavano – tira le somme della propria avventura umana attraverso un viaggio nella memoria, di volta in volta ironico e impegnato.
Sulla solida base di documenti d’archivio e lettere, ne scopriamo le ambizioni, gli amori, la spiritualità, il duro lavoro, ma anche la vita quotidiana in un Veneto che non esiste più, fra istituzioni musicali fastose, ritiri artistici, incontri con personaggi grandi e piccoli, dal matematico Eulero alla figlia di un popolano, dal fisico Riccati allo scalzo contadinello.
Ben oltre l’immagine romanzesca del “trillo del diavolo”, lo spettacolo restituisce, almeno in parte, la figura complessa ed enigmatica del musicistafilosofo più noto del Settecento.
I quadri biografici sono alternati a brani musicali scelti fra le oltre 400 composizioni da Federico Guglielmo, uno dei più raffinati interpreti di Tartini, per restituirci gli “affetti” che il compositore si sforzò di dipingere sonoramente, in un colloquio serrato e problematico con la poesia, coltivata come seconda passione.

m2021 02b