Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Istituto di musica Antonio Vivaldi Biblioteca Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

VENERDÌ 6 DICEMBRE 2019 ORE 20.45 | Tartini2020

Mario Brunello
Francesco Galligioni
Roberto Loreggian
Ivano Zanenghi

Violoncello piccolo - Violoncello continuo - Clavicembalo, organo - Liuto, chitarra

Giuseppe Tartini e il suo tempo


Giuseppe Tartini (1692 – 1770)
Arte dell’Arco
per violoncello piccolo e continuo

Giuseppe Valentini (1681 – 1753)
Allettamento op. 8 n. 10
per violoncello piccolo e continuo

Francisco Andrea Caporale (ca 1700 – 1757)
Sonata IV in re minore
per violoncello piccolo e continuo

Giuseppe Tartini
Sonata XVII in re maggiore
a violino solo e continuo

***

Giuseppe Tartini
Sonata XXII in la minore
a violino solo

Antonio Vandini (1690 – 1778)
Sonata n. 2
per violoncello piccolo e continuo

Luigi Boccherini (1743 – 1805)
Sonata G12
per violoncello piccolo e continuo

Giuseppe Tartini
Pastorale
per violoncello piccolo e continuo

foto

Photo di Massimo Branca

La Tartini Renaissance è un'ottima occasione per riscoprire il mondo musicale che gravitava intorno al violinista di Pirano d’Istria. Oltre alla musica di Antonio Vandini, violoncellista (intimo amico di Tartini e suo primo biografo), il concerto propone l'ascolto di Giuseppe Valentini, letterato e allievo di Giovanni Bononcini, e una sonata di Francisco Andrea Caporale, compositore e violoncellista italiano, nato probabilmente a Napoli ma dal 1734 attivo a Londra. Il concerto, che include anche la Sonata G12 di Luigi Boccherini, sarà in parte eseguito sul violincello. “Si tratta di un violoncello piccolo a quattro corde, strumento molto usato in epoca barocca, costruito nella tipica accordatura violinistica (mi, la, re, sol), ovviamente un’ottava sotto, – spiega Brunello – un esemplare compiuto che, al di là della meraviglia e dell’effetto sorpresa, può affacciarsi alla letteratura violinistica antica con piena dignità”.