Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

LUNEDÌ 27 NOVEMBRE 2017 ORE 20.45
Integrale delle Sonate per violino e pianoforte di Beethoven

Laura Bortolotto
Matteo Andri

Violino - Pianoforte

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)
Sonata n. 1 in re maggiore op. 12 n. 1
Sonata n. 2 in la maggiore op.12 n. 2

***

Ludwig van Beethoven
Sonata n. 6 in la maggiore op. 30 n. 1
Sonata n. 5 in fa maggiore op. 24
“La Primavera

Simone Corti (1986)
Relation in Space
(composizione commissionata dal Teatro di Monfalcone)

foto

Si conclude, con questo concerto, il ciclo dedicato all’integrale delle Sonate per violino e pianoforte di Ludwig van Beethoven iniziato due stagioni fa, che ha visto la partecipazione di giovani ma straordinari esecutori: Francesca Dego e Laura Marzadori al violino e Francesca Leonardi e Olaf John Laneri al pianoforte.
Per questa serata, ecco protagonista un duo veramente speciale: Laura Bortolotto al violino e Matteo Andri al pianoforte, entrambi diplomati nei conservatori della nostra regione – a Trieste la prima e a Udine il secondo – con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale di merito.
Beethoven, dunque: le due Sonate dell’op. 12, ingiustamente ritenute “minori” da alcuni biografi, dedicate ad Antonio Salieri, il celebre compositore e direttore musicale dell’opera italiana a Vienna, che fu anche eccellente didatta, con allievi del calibro di Hummel, Czerny, Liszt, Schubert e, appunto, Beethoven.
Quindi la Sonata n. 1 op. 30, il cui ultimo movimento, caso unico per quanto riguarda l’intera produzione delle sonate per violino e pianoforte, è un Allegretto con Variazioni in cui i due strumenti dialogano fra loro con grande varietà di soluzioni ritmiche e melodiche.
Infine la Sonata op. 24, una delle più famose dell’intero ciclo: dedicata al conte Moritz von Fries, uno dei principali mecenati di Beethoven, la sonata è una delle composizioni più apprezzate grazie allo spirito fresco e alla cantabilità; è nota come La Primavera, soprannome aggiunto dall’editore viennese Mollo all’atto della pubblicazione.
Conclude il programma una composizione scritta appositamente per questa occasione da Simone Corti, vincitore nel 2016 del 17° Concorso di Composizione Premio Trio di Trieste.

m1718 07b