Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

VENERDÌ 25 NOVEMBRE 2016 ORE 20.45 | '900&oltre

Coro del Friuli Venezia Giulia
Orchestra San Marco
Collegium Apollineum
Cristiano Dell'Oste
Federico Lovato
Marco Feruglio

Maestro del coro, organo - Pianoforte - Direttore

Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)
Concerto in re minore BWV 146-188 (da BWV 1052)
per organo e orchestra

Igor Stravinskij (1882 – 1971)
Concerto
per pianoforte e strumenti a fiato

***

Johann Sebastian Bach
Singet dem Herrn ein neues Lied
BWV 225
mottetto per coro e strumenti

Igor Stravinskij
Sinfonia di salmi
per coro e orchestra

foto

È con Bach che fino agli ultimi giorni vive Igor Stravinskij. Sul suo leggio del pianoforte – secondo la testimonianza di Robert Craft – c’è il primo libro de Il clavicembalo ben temperato ancora aperto sul Preludio in mi bemolle minore che Stravinskij suonò il 3 aprile 1971, tre giorni prima di morire.
A questa costellazione è dedicato il programma che presenta un Mottetto di Bach accanto al Concerto per pianoforte e orchestra di fiati e alla Sinfonia di salmi di Stravinskij. Come Bach anche Stravinskij compone “alla gloria di Dio” e dedica la Sinfonia di salmi nel 1930 al 50° anniversario della Boston Symphony di Koussevitzky: una sinfonia per coro e strumenti, collocati su un medesimo piano al fine di consentire un grande sviluppo contrappuntistico. Il Concerto è invece del 1924: Stravinskij lo scrive per se stesso e per i suoi concerti come pianista ed è una composizione piena di echi di Bach, Scarlatti, Händel (sono gli anni in cui fu lanciato lo slogan del “ritorno a Bach”).
I Mottetti di Bach (che emozionarono fino alle lacrime Mozart quando ne vide i manoscritti a Lipsia) rappresentano la tradizione “a cappella“ nella successiva cultura ottocentesca, anche se vanno eseguiti “colla parte“, cioè con accompagnamento strumentale. E così sarà eseguito il Mottetto in programma. Un programma affascinante quello proposto da Marco Feruglio (pianista della scuola di Nino Gardi, poi direttore d’orchestra alla “Bottega“ di Peter Maag), alla guida di alcune delle migliori formazioni della nostra Regione: il Collegium Apollineum (orchestra con strumenti originali), l’Orchestra San Marco di Pordenone, il Coro del Friuli Venezia Giulia (maestro del coro è Cristiano Dell’Oste).
Il pianista Federico Lovato si è diplomato al Conservatorio “B. Marcello“ di Venezia, dove nel 2005 ha vinto il Premio “Marina Pasqualy”.

m1617 04B