Stagione 2020-2021 Stagione 2020-2021

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Istituto di musica Antonio Vivaldi Biblioteca Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

VENERDÌ 5 MARZO 2021 ORE 20.45

ELIO

Voce narrante

Zuzanna Klemańska soprano    
Nutsa Zakaidze mezzosoprano
Daniele Adriani tenore
Matteo Torcaso baritono
Ettore Pagano violoncello PREMIO SALIERI 2019
Alessandro Benigni fortepiano
Testo di Vincenzo De Vivo

Con Elio nella Vienna di Beethoven

Antonio Salieri (1750 – 1825)
La grotta di Trofonio, “Venite donne meco”

Franz Joseph Haydn (1732 – 1809)
Inno Imperiale Asburgico

Gioachino Rossini (1792 – 1868)
Zelmira, “Perché mi guardi e piangi”

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)
Die Zauberflöte (Il Flauto Magico), “Ein Mädchen oder Weibchen”

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)
12 Variazioni su “Ein Mädchen oder Weibchen” da Die Zauberflöte di Mozart op. 66
per violoncello e pianoforte

Gioachino Rossini
La passeggiata
per quattro voci e pianoforte

Franz Schubert (1797 – 1828)
Standchen (Serenata) D 957
“Ave Maria” n. 3 da Ellens Gesänge D 839 op. 52 n. 6

Ludwig van Beethoven
“In questa tomba oscura”, Lied in la bemolle maggiore WoO 133
per voce e pianoforte

Gioachino Rossini
Il barbiere di Siviglia, “Una voce poco fa”

Ludwig van Beethoven
La partenza, “Ecco quel fiero istante”, Lied in la maggiore WoO 124
per voce e pianoforte

Carl Maria von Weber (1786 – 1826)
Der Freischütz (Il Franco cacciatore), “Leise, leise, fromme Weise”

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 9 in re minore op. 125, Finale “O Freunde”
“Un lieto brindisi”, Piccola cantata in si bemolle maggiore WoO 103
per quattro voci e pianoforte

foto

Foto di Nuri Rashid

Elio si ritrova catapultato a Vienna nel maggio 1824, nel Teatro di Porta Carinzia. Com’è avvenuto? Non ne ha la minima idea. Stava cantando con due ragazze un terzetto di Salieri da La Grotta di Trofonio. Forse gli è sfuggita una formula magica e ora è a Vienna, con un salto di due secoli. Non ha problemi di comunicazione, perché tutti in quel Teatro parlano italiano. È italiano persino l’impresario, Domenico Barbaja, che ha portato nella capitale austriaca il compositore alla moda Gioachino Rossini e i cantanti più famosi d’Europa.
Sono tutti alle prese con un’impresa titanica: eseguire l’ultimo lavoro di Beethoven, la Nona Sinfonia.
Nell’attesa della prova generale, Elio si imbatte in alcuni personaggi che gli sembrano familiari: il vecchio Salieri su una sedia a rotelle, il giovane Schubert, l’abate Carpani – poeta e biografo di Haydn – e l’affascinante primadonna Henriette Sontag. E infine, entrato in sala, appare a Elio lo scarmigliato Beethoven, ormai completamente sordo, che sprizza energia da tutti i pori e mette in rispettosa soggezione coro, orchestra e solisti...

In collaborazione con Fondazione Salieri di Legnago e Asolo Musica.

m2021 11b