Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

MARTEDÌ 10, MERCOLEDÌ 11 GENNAIO 2017 ORE 20.45

Sorry, boys
Dialoghi su un patto segreto per 12 teste mozze

di e con Marta Cuscunà
progettazione e realizzazione teste mozze di Paola Villani
assistenza alla regia di Marco Rogante
disegno luci di Claudio “Poldo” Parrino
disegno del suono di Alessandro Sdrigotti
animazioni grafiche di Andrea Pizzalis
co-produzione Centrale Fies
con il contributo di Provincia Autonoma di Trento, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
con il sostegno di Operaestate Festival, Centro Servizi Culturali Santa Chiara, Comune di San Vito al Tagliamento, Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia


Nello spettacolo si segnala la presenza di riferimenti sessuali espliciti nel linguaggio.

foto

foto di Dido Fontana

Terza tappa del progetto sulle Resistenze femminili di Marta Cuscunà, Sorry, boys parte dalla storia delle 18 ragazze di Gloucester che avrebbero segretamente pianificato la loro gravidanza per allevare i bambini in una specie di comune femminile, storia che scatenò una vera e propria tempesta mediatica. Ma questo è soltanto il punto di partenza. Gloucester è anche la cittadina dove i casi di violenza maschile in famiglia raggiungono numeri impressionanti. E dove 500 uomini hanno marciato nelle strade per sensibilizzare la comunità al problema.
A percorrere Sorry, boys, quindi, è l’idea che lo sconvolgente patto delle ragazze e la marcia degli uomini siano in qualche modo collegati, e che tutto questo abbia a che fare con il modello di mascolinità che la società impone agli uomini. Nel nero della scena, due schiere di teste mozze, tutte straordinariamente animate da Marta Cuscunà. Da una parte gli adulti protagonisti di questa storia, dall’altra gli adolescenti. Sono appesi come trofei di caccia, inchiodati da una vicenda che li ha trovati impreparati. Potranno sforzarsi di capire le ragioni di un patto di maternità fra adolescenti ma resteranno sempre con le spalle al muro.

p1617 05b