Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

MERCOLEDÌ 7 DICEMBRE 2016 ORE 20.45

Acciaio liquido

di Marco Di Stefano
ideazione, adattamento e regia di Lara Franceschetti
con Federica Armilis, Angelo Colombo, Andrea Corsi, Paolo Garghentino, Giovanni Longhin, Francesco Meola, Claudio Migliavacca, Giuseppe Russo
scene e costumi di Maria Chiara Vitali
light designer Giuliano Bottacin
Spazio Verticale
in collaborazione con CGIL – Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

foto

Dicembre 2007: in un’acciaieria torinese si scatena un incendio e perdono la vita sette operai. Una tragedia che tocca nel profondo l’Italia intera, un incidente figlio del profitto ad ogni costo, di una burocrazia ottusa, di leggi sulla sicurezza spesso ignorate. Sei dirigenti vengono processati e condannati al massimo della pena. Il gruppo siderurgico offre una cifra da capogiro per evitare che le famiglie delle vittime si costituiscano parte civile e ottenere, grazie all’accordo, uno sconto di pena. Ma il tentativo della multinazionale di uscire al riparo dall’opinione pubblica fallisce miseramente...
Nel segno del migliore teatro civile, Acciaio liquido mette in scena le storie e le fragilità di operai, dirigenti e parenti delle vittime, restituiti in tutta la loro umana complessità, senza mai prestare il fianco a retorica e ideologia. I formidabili attori diretti da Lara Franceschetti danno vita a uno spettacolo di forte tensione emotiva sulla verità (inafferrabile, mai univoca) e sulla giustizia. Quattordici vite spezzate: sette morti, sette ancora vivi ma segnati per sempre per non avere avuto il coraggio di dire no. Un messaggio forte chiude lo spettacolo, perché il mondo veda. Per queste vite interrotte non c’è più tempo, per chi guarda sì.

c1617 03b