Stagione 2020-2021 Stagione 2020-2021

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Istituto di musica Antonio Vivaldi Biblioteca Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

MARTEDÌ 16, MERCOLEDÌ 17, GIOVEDÌ 18
FEBBRAIO 2021 ORE 20.45

I DUE GEMELLI

libero adattamento di Natalino Balasso
da I due gemelli veneziani di Carlo Goldoni
regia di Jurij Ferrini
con Jurij Ferrini, Francesco Gargiulo, Maria Rita Lo Destro, Federico Palumeri, Andrea Peron, Marta Zito, Stefano Paradisi
costumi di Paola Caterina D’Arienzo
scenografia di Eleonora Diana
luci e suono di Gian Andrea Francescutti
Progetto U.R.T.
in collaborazione con 53° Festival Teatrale di Borgio Verezzi

foto

Foto di Luigi Cerati

I due gemelli è un classico goldoniano e, al contempo, una scrittura originale contemporanea: due spettacoli in uno! La nuova avventura dei gemelli veneziani, nell’adattamento di Natalino Balasso, è infatti ambientata negli anni Settanta. Uno sguardo, da un punto di osservazione a quasi mezzo secolo di distanza, che coincide con il nostro presente. Perché nel grigiore di una modernità disperante, in cui la menzogna fa parte della vita quotidiana, questa commedia ci invita a riflettere sul tema dell’apparenza e sul concetto di virtuale.
Così la vicenda, straordinariamente comica, delle disavventure di due fratelli gemelli, che non si vedono da anni e per puro caso si ritrovano a Verona per sposarsi, oltre a essere motore di equivoci spassosi, può diventare un’allegoria della fallacia dei nostri sensi e delle nostre percezioni.
Goldoni e Balasso, insomma, sembrano volerci prendere in giro sulla nostra poca lucidità.
La struttura del testo di Goldoni rimane intatta, ma è ripensata per una società libera e in emancipazione come quella degli anni Settanta; i personaggi si fanno più complessi, lontani dalla maschera stereotipata della Commedia dell’Arte da cui l’autore veneziano già prendeva le distanze. E grazie a questo spostamento si può godere e comprendere appieno l’ironia più profonda di Goldoni, esaltata dallo stile sarcastico e pungente di Natalino Balasso. Uno spettacolo di puro divertimento!

p2021 08b