Campagna Campagna

Corso del Popolo, 20
34074 - Monfalcone

Informazioni:
T - 0481 494 369

Biglietteria:
T - 0481 494 664
orario:
da lunedi a sabato
ore 17-19


ert Viva Ticket Biblioteca Monfalcone Per il Teatro di Monfalcone

I contenuti di questo sito sono a cura dell'Ufficio Comunicazione dell'Unità Operativa Attività Teatrali ed Espositive del Comune di Monfalcone
Tel. 0481 494 369

Realizzazione grafica e programmazione a cura di Incipit

GIOVEDÌ 22 MARZO 2018 ORE 20.45

La paranza dei bambini

di Roberto Saviano e Mario Gelardi
un progetto Nuovo Teatro Sanità
regia di Mario Gelardi
con Vincenzo Antonucci, Luigi Bignone, Carlo Caracciolo, Antimo Casertano, Riccardo Ciccarelli, Mariano Coletti, Giampiero de Concilio, SimoneFiorillo, Carlo Geltrude, Enrico Maria Pacini
scene di Armando Alovisi
costumi di 0770 di Irene De Caprio
musica di Tommy Grieco
luci di Paco Summonte
Mismaonda
in collaborazione con Marche Teatro

foto

Hanno scarpe firmate, famiglie quasi normali e grandi ali “d’appartenenza” tatuate sulla schiena. Sfrecciano in moto contromano per le vie di Napoli, perché sanno che la loro unica possibilità è giocarsi tutto e subito. Non temono il carcere né la morte. Sparano, spacciano, spendono. Sono la paranza dei bambini: la batteria di fuoco dei giovanissimi legati alla camorra, pesci talmente piccoli da poter essere cucinati solo fritti.
Dopo la felice esperienza dello spettacolo Gomorra, Roberto Saviano e Mario Gelardi danno vita a un nuovo progetto teatrale tratto dall’ultimo best seller dello scrittore e mettono in scena la controversa ascesa di una tribù adolescente verso il potere, che impone regole feroci per perdere l’innocenza e diventare grande, ed è pronta a piombare nel buio della tragedia shakespeariana.
Non a caso lo spettacolo nasce nel Nuovo Teatro Sanità, un luogo “miracoloso” nel cuore di Napoli.
Scrive Roberto Saviano: “il Nuovo Teatro Sanità e Mario Gelardi non sono solo resistenza e non sono semplicemente teatro. Loro sono il nucleo intorno al quale alla Sanità, a Napoli, si costruisce un presente reale, che si può toccare, vedere e ascoltare. Un futuro che si può immaginare. Loro sono voci che sovrastano urla, sono mani tese. [...] Solo loro possono trasformare in corpi, volti e voci le mie parole”.

at1718 04b